Natalino

Picone

Tech machine


Apple, dual boot e riflessioni varie

aprile 15, 2006Nat0 Comments

Da quando Apple ha dichiarato la messa in produzione dei nuovi Mac con processore Intel c’è molto movimento nel mercato. Settimana scorsa è stato rilasciato boot camp ovvero un’applicazione che permette di installare windows xp su un mac intel. Sempre qualche giorno fa è stata rilasciato in beta la nuova versione di parallel workstation un software in grado di virtualizzare con prestazioni buoni un ambiente windows all’interno di una sessione OsX. Si vocifera anche che il nuovo OsX 10.5 includerà uno strato di virtualizzazione (e quindi ci si aspetta di poter lanciare in maniera “semi-nativa” gli applicativi windows).
Praticamente si sta finalmente concretizzando quel reale avvicinamento tra i sistemi operativi che negli anni passati non è mai stato possibile raggiungere per evidenti limitazioni tecnologiche e di marketing.

Apple ha sempre provato a convincere gli utenti windows a passare al suo sistema operativo e Microsoft ha sempre ignorato gli utenti mac probabilmente perchè non li riteneva un “problema” a livello numero.

La realtà oggi è che si stanno creando quelle basi culturali per cui le persone inizieranno a chiedersi quale software usare anche a livello di sistema operativo. E magari Linux finalmente uscirà dalle cantine e approderà realmente anche sui desktop.
Personalmente credo che la libertà di scelta sia la miglior cosa che possa accadere a seguito di questa nuova guerra dei sistemi operativi.
Freedom to choose, come dice qualcuno.